Uno stato di tensione

Ho smesso di capirci qualcosa dalla data concepimento.
Per il resto annuisco

Set 2

martinekenblog:

T Wei is an illustrator based in Wellington, New Zealand. His work is very unique, strange and punctuated by clean lines and careful detail.

More here →

Follow Martineken Blog on:
Facebook
| Twitter | Pinterest

(via acquiredinstinct)


mountstar:

Types of matter

(via selene)


turecepcja:

Digital sculpting by Kyuin Shim, artist from Seoul, Repulic of Korea.

(via selene)




annabellehector:

hell nope

annabellehector:

hell nope


"Capire alcune persone non è soltanto impossibile, ma inutile."

falcemartello:

Ennio Flaiano (parafrasato)

(via dimmelotu)


getnthevanihavecandy:

They both walked out of the hospital the same day, uninjured.

getnthevanihavecandy:

They both walked out of the hospital the same day, uninjured.

(via annabellehector)


(via zozzangle)


(via mugetsu10)


asylum-art:

Igor Morski ’s Surreal Magical World

on Behance| Facebook

 

Artist Igor Morski takes us to his dream world by creating unbelievable surreal illustations.  Morski has created many wonderful and spectacular surrealistic illustrations. He is known and celebrated for his huge imagination and creativity, for being able to bring to life such interesting situations.

(via prostata)


(via killbilla)


Set 1

4gifs:

Cardboard camo suit. [video]

4gifs:

Cardboard camo suit. [video]

(via saracontrosara)


È un po’ quest’inguaribile sentimentalismo, che tutti snobbiamo, ma ne siamo inevitabilmente coinvolti fino al collo, e ci rifugiamo nella bolla d’aria del cinismo che sta lì in alto perché “Ehi, non scherziamo, a me quella roba fatta di parole e gesti d’affetto mi fa allergia”, e non è vero. Vi piace. Ci piace talmente tanto che per autoilluderci che non sia così vediamo coppie per strada, in continuazione, al bar, al ristorante, al mare, che parlano (strano, ma vero esistono), mentre noi stiamo lì col solitario piatto davanti, o con un conoscente che parla di tutto, e nello screensaver del nostro cervello parte “Macheccazzo me ne frega, io voglio condividere altro, e non con te, e che un po’ quella coppia là quasi quasi la invidio”.
Ma sapete che succede?
Succede che dallo screensaver nel cervello al momento di parlare, c’è un filtro, ancora non ben identificato, che fa uscire frasi come “Sì ma alla fine io sto bene così”. No che non stai bene così, perché poi quando stai a casa, e nessuno legge quello che ti passa per la testa, ci pensi spesso e volentieri che un po’ ti piace quella cosa che fanno le coppie. Smetti di respirare nella bolla del cinismo e anneghi nel sentimentalismo sfrenato, peggio della pornografia. E ti vergogni il giorno dopo al pensiero di tutto ciò che ti è passato per la testa la sera prima.
Dannazione fammi andare a respirare nella bolla di salvataggio che manda nel dimenticatoio tutto.

È cosí che succede.
A me.


Pagina 1 di 194